News

2018- TRASPORTO E CERTIFICATI SANITARI ( 2 )

Pubblicato: 17 settembre 2018

2018- TRASPORTO E CERTIFICATI SANITARI ( 2 )

PROSEGUIAMO L'ILLUSTRAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DI LEGGE OBBLIGATORIA PER QUALUNQUE TRASPORTO DI VOLATILI DA COMPAGNIA DA PARTE DI TRASPORTATORI SENZA FINALITA' DI LUCRO. IL PUNTO 1- IL MOD. 4 E' STATO PUBBLICATO SULLE NEWS il GIORNO 14 SETTEMBRE 2018

  1. Certificato Sanitario Internazionale

Al di fuori del territorio dello Stato italiano, il trasporto ad uso amatoriale non lucrativo prevede un documento di accompagnamento obbligatorio,timbrato e firmato da un veterinario ufficiale delle istituzioni sanitarie: il Certificato Sanitario Internazionale, bilingue.

            Anche questo certificato ha una struttura modulare ma è su carta intestata dell’Istituzione sanitaria (AUSLe analogo) e deve accompagnare gli animali trasportati fino dalla partenza dall’allevamento, o dalla mostra o dal mercato di partenza.

Sul piano pratico questo significa che questi luoghi devono sempre avere un presidio sanitario ufficiale per il controllo in ingresso e la redazione dei certificati sanitari per gli animali che escono dai confini nazionali. ( occorre anche per trasporto verso Paesi UE)

Ricaviamo alcune indicazioni di comportamento:

-le mostre (ed i mercati) internazionali devono stringere accordi con le competenti AUSL locali perché venga realizzato il presidio sanitario, sia in ingresso che in uscita;

-l’allevatore che intende partecipare ad una mostra all’estero deve procurarsi il Certificato Sanitario Internazionale, contattando per tempo la sua competente AUSL e deve farsi preparare in loco il certificato analogo per il rientro. Normalmente le mostre ufficiali (es.: Campionati mondiali) sono attrezzate allo scopo;

-l’allevatore che partecipa ad un mercato estero, deve fare molta attenzione alla certificazione sanitaria , oltre alle altre problematiche per le specie protette: difficilmente il veterinario ufficiale è presente in queste manifestazioni, per rilasciare il certificato sanitario obbligatorio per il rientro in Italia. Nasce una situazione di rischio. Per prudenza, porti con se copie di Mod. 4: farà una autocertificazione con partenza dal primo Paese italiano presso il confine fino alla destinazione finale;

Chi va soprattutto ai mercati esteri conosce questa problematica, che può creare difficoltà per importare esemplari dal Paese estero in Italia: c’è il rischio di severe sanzioni pecuniarie.

17 settembre 2018

[...]

Contatti
  • Via F.lli Manfredi, 57/3
  • 42124 Reggio Emilia
  • ITALY
Copyright 2012 by SOR Privacy Termini di utilizzo