News

PERICOLO AVIARIA -AGGIORNAMENTO

Pubblicato: 19 ottobre 2012

L'emanazione di nota Piemonte richiede aggiornamento

SITUAZIONE INFLUENZA AVIARIA

al 19ottobre 2012

 

A seguito dei recenti provvedimenti adottati dal Ministero Salute, riguardanti le Regioni: Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna sono opportune alcune valutazioni per la loro interpretazione applicativa.

 

I fatti.

1-La Direzione Generale del Min. Salute, con nota n. 18734 del 16/10/2012, ha disposto che “sul territorio delle Regioni Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Piemonte è fatto divieto di svolgere fiere, mostre e mercati con esposizione di volatili”.

2-La stessa nota consente alle citate Regioni la concessione, valutata la situazione del territorio di competenza, di una deroga al precedente divieto, ma solamente “allo svolgimento di fiere, mostre e mercati con esposizione di volatili ornamentali non ricompresi nella definizione di“pollame”, di cui all’art. 2 del D.Lgs n. 9 25/1/10”.

Le specie allevate dal nostro Movimento non sono comprese in tale definizione, quindi, rientrano nella possibilità di deroga.

3-Lombardia,Veneto ed Emilia Romagna, quest’ultima con specifiche linee guida dal 2008,concedono abitualmente la deroga.

4-Il Piemonte, con la nota del 17/10/12, adotta una formula diversa dalle precedenti Regioni: “In deroga al precedente punto (il divieto ministeriale, N.d.R.) le ASL potranno permettere lo svolgimento delle manifestazioni di ornamentali non ricompresi nella definizione di “pollame” autorizzate prima dell’uscita del provvedimento e già in fase di ingabbiamento dei soggetti”. Questa impostazione prefigura comportamenti del Piemonte opposti rispetto le altre 3Regioni nel futuro: in presenza di altri focolai, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna consentiranno lo svolgimento delle nostre manifestazioni, il Piemonte no.

 

Le conseguenze.

Sulla base dei fatti esposti, sentite anche le istituzioni sanitarie emiliano-romagnole,si possono trarre le seguenti conseguenze operative:

-In Lombardia,Veneto, Emilia Romagna le nostre manifestazioni ornitologiche sono autorizzate senza vincoli, purchè non prevedano la presenza di “pollame”, ancorchè ornamentale.

Quaglie,Colini, Tortore…: purchè con destinazione ornamentale ( anello tipo FOI/COM riconosciuto) e non alimentare possono partecipare. Tutti i soggetti devono essereaccompagnati da regolare Mod. 4 o equivalente, autocertificazione che indica -.fra l’altro- che gli esemplari non provengono da area in cui si è manifestato un focolaio di aviaria. Una volta di più tocchiamo con mano l’importanza dell’anello e del Mod. 4.

-In Piemonte non sono autorizzate neppure le nostre manifestazioni ornitologiche, a fare data, diciamo, da lunedì prossimo 22 ottobre e fino a mercoledì 7 novembre (21 giorni a partire dal 17 ottobre), salvo che non si manifestino nuovi focolai. Nel qual caso c’è da attendersi una proroga del divieto.

-Nelle altre Regioni il problema non sussiste.

-Movimentazione esemplari: problema da porsi, considerato che siamo in piena stagione mostre in tutta Italia.

L’analisi dei documenti del Ministero e delle Regioni, nonché la consultazione delle Istituzioni sanitarie porta a concludere quanto segue:

            -nessun documento istituzionale impone divieti o limitazioni alla movimentazione di volatili ( quindi, anche i nostri uccelli) sul territorio nazionale;

            -gli allevatori possono quindi trasferire i loro esemplari dall’allevamento alle sedi delle manifestazioni (e ritorno) senza alcuna limitazione o vincolo che non sia la presenza- fin dalla partenza- del Mod. 4 o equivalente, debitamente compilato e firmato. Ciò vale anche per gli allevatori del Piemonte.

19 ottobre 2012-banfi

 

[...]

Contatti
  • Via F.lli Manfredi, 57/3
  • 42124 Reggio Emilia
  • ITALY
Copyright 2012 by SOR Privacy Termini di utilizzo