News

2017: AVIARIA ITALIA ED EUROPA- AGGIORNAMENTO 3 FEBB.

Pubblicato: 04 febbraio 2017

2017: AVIARIA ITALIA ED EUROPA- AGGIORNAMENTO 3 FEBB.


   


AGGIORNAMENTO ITALIA 03/02/2017  – In data 2 febbraio 2017 è stato confermato dal Centro di Referenza Nazionale per l’Influenza Aviaria e la Malattia di Newcastle (CRN) dell’IZSVe un nuovo focolaio di influenza aviaria sottotipo H5N8 in un allevamento di tacchini da carne nel comune di Sorbolo (PR). Il 3 febbraio 2017, il CRN ha caratterizzato il virus come influenza aviaria ad alta patogenicità (HPAI). Si tratta del quarto focolaio di HPAI H5N8 nel pollame domestico in Italia nel 2017. Al momento del sospetto, erano presenti 22.900 tacchini con sintomi riferibili a influenza aviaria e mortalità elevata. L’analisi parziale della sequenza virale, evidenzia che questo virus si raggruppa separatamente rispetto alle precedenti positività, suggerendo che, anche per questo focolaio, si tratta di una nuova introduzione. L’analisi completa è in corso, ulteriori dati significativi saranno comunicati appena disponibili. L’Autorità competente ha definito le zone di protezione e di sorveglianza (3 e 10 km) intorno al focolaio e sono state adottate le misure di controllo ed eradicazione previste dalla vigente normativa (D.Lgs. 9/2010).  
IL PROVVEDIMENTO NON HA CONSEGUENZE SULLA MANIFESTAZIONE DI S. VALENTINO: AL MOMENTO NON ESISTONO PROVVEDIMENTI UFFICIALI FIRMATI DAL PRESIDENTE DELLA REGIONE. CONTINUEREMO A TENERE AGGIORNATA LA SITUAZIONE TEMPESTIVAMENTE.

AGGIORNAMENTO EUROPA 03/02/2017-03/02/17 – Altri due paesi si sono aggiunti all’elenco dei paesi colpiti dell’epidemia HPAI H5N8 in Europa. In data 31 gennaio 2017 è stato riportato all’OIE il primo focolaio di HPAI H5N8 in Portogallo. La positività è stata identificata in un airone cenerino (Ardea cinerea) rinvenuto morto nel comune di Loulé, nella regione dell’Algarve. In data 1° febbraio è stato confermato il primo focolaio in Belgio. Le positività sono stati trovati in un allevamento di uccelli ornamentali nel comune di Lebbeke.
Inoltre, in data 3 gennaio 2017, è stato identificato il primo focolaio di HPAI H5N5 in Polonia. Il focolaio ha coinvolto 20 cigni reali (Cygnus olor) nella regione di Dolnoslaskie. Questo virus era già stato identificato in Croazia, Germania, Grecia, Italia, Montenegro e Olanda. Infine, in data odierna è stata aggiornata la situazione epidemiologica di:
i) Belgio, un focolaio nella popolazione domestica; ii) Grecia, tre nuovi focolai nei selvatici; iii) Olanda, cinque nuovi focolai nella popolazione selvatica; iv) Polonia, quattro nuovi focolai nei domestici e 18 nei selvatici, v) Portogallo, una positività nei selvatici; vi) Regno Unito, due nuovi focolai nei domestici; vii) Repubblica Ceca, quattro nuovi focolai nei domestici e uno nei selvatici; viii) Romania, cinque nuovi focolai nei domestici e dieci nella popolazione selvatica; ix) Serbia, 7 nuovi focolai nei selvatici.
"Voci"- non ho conferme ufficiali- parlano di blocco di mostre, fiere e mercati in tutto il Belgio.

[...]

Contatti
  • Via F.lli Manfredi, 57/3
  • 42124 Reggio Emilia
  • ITALY
Copyright 2012 by SOR Privacy Termini di utilizzo